domenica 23 novembre 2014

Un angelo al giorno...

Mancano pochi giorni all'inizio di dicembre e poco più di un mese a Natale! 

Dicembre è un mese che amo molto. Un mese che vorrei dedicare alla casa, ai tempi lunghi, all'attesa dell'Evento. Preparare i dolci di Natale, accendere le candele dell'Avvento, sentire il profumo delle caldarroste e degli aghi di pino, illuminarmi gli occhi con le luminarie che abbelliscono e decorano la città, i giardini e le case. Preparare l'albero di Natale, che poi mi spiace sempre disfare, andare a prendere il presepe e guardarlo sempre con tanto affetto.

Un tempo d'attesa...attesa di desideri che si realizzano, attesa di amore che si manifesta tra le persone care della famiglia, attesa di pensieri e regali da tanto attesi. Questo è per me il periodo di Natale.

Un periodo che mi piacerebbe trascorrere al calduccio, davanti al camino con fuori la neve che cade e una tazza di cioccolata calda tra le mani, Thomas accoccolato sulle mie gambe, le canzoni di Natale come sottofondo musicale.

Anche quest'anno sarà molto difficile che avvengano tutte queste cose e soprattutto nello stesso momento ma, grazie ad Alex, ho preparato in anticipo una ghirlanda di angeli per abbellire la mia finestra.

Ho creato i miei 7 angioletti - uno per ogni giorno della settimana - pensando ai colori del mio salotto: verde e rosa fragola.


Sono davvero molto semplici da realizzare: ora vi mostro come ho fatto e cosa ho utilizzato.

MATERIALI:

  • stoffa di cotone 
  • mollette francesi per la biancheria
  • pizzo
  • nastrino
  • macchina da cucire
  • spago con filo di ferro 
 ISTRUZIONI:


1.taglia un rettangolo di stoffa di circa cm 20x10 


2. cuci a macchina un bordino di 0,5 cm


3. taglia una striscia di pizzo uguale al rettangolo di tessuto. Io ho trovato un pizzo vintage di cui mi sono innamorata. Gli dà un tocco in più!


4. cuci il pizzo lungo il bordo (puoi anche non usare il pizzo se preferisci) e chiudi il rettangolo. Otterrai un cilindro.
Arriccia la parte superiore del cilindro.


5. Inserisci la molletta da bucato francese


6. taglia un altro rettangolo di stoffa bianco o di altro colore. Questo servirà a coprire la testa dell'angelo, come fosse un velo.
Piegalo a metà nel senso della lunghezza e passalo sopra alla "testa" dell'angelo. Tienilo fermo stringendo il "collo" con un nastrino.
Attacca le ali sul dietro del corpo dell'angelo.


Complimenti! Hai finito il tuo angelo!!!

Vi ricordo che fino al 18 dicembre, ognuna di noi The Creative Factory  ha in serbo per voi tante sorprese, progetti e curiosità. Seguiteci anche sui Social!







venerdì 21 novembre 2014

The Creative Factory: Handmade Christmas & Raccolte di Natale

Un po' di tempo fa, Alex padrona di casa del bellissimo e soprattutto utilissimo blog (cliccate sul link per leggere di che cosa tratta la sua iniziativa) mi ha contattata proponendomi di partecipare ad un progetto ambizioso: formare un gruppo di 30 blogger creative. Il nome scelto per identificarci è stato The Creative Factory, una factory appunto che ideasse dal 20 novembre fino al 18 dicembre dei progetti per il Natale handmade e li spiegasse con un tutorial ognuna sul proprio blog.
Potevo tirarmi indietro?
Assolutamente no!

Domenica 23 novembre è il giorno in cui pubblicherò un progetto non difficile ma di grande effetto. Potrà esservi utile per decorare la vostra casa o/e l'albero di Natale.
Shhhh.....non posso svelare nulla!

Questo è l'elenco di tutte noi che vi invito a visitare quotidianamente. Saremo fonte di ispirazione per dei regali, delle decorazioni, delle ricette e per sentire tutte insieme lo spirito del Natale che sta arrivando.

Alessandra di Daisy Garden | Alex di C’é Crisi Bogomilla di Bogomilla Hopp Kids|Barbara di Accidentaccio | Carmen di Lo dico Lo faccio | Daniela di Decoriciclo| Diana Ingrid di Artedim | Emanuela di  My little inspirations | Froda di Froda Creazioni | Giuliadi Extreme cera persa Iole di Ai piedi del carrubo | Kiki  e Illy di  Case per la testa Lauradi  I colori di Laura | Laura D di A very Laurie blog | Linda di Mami Gio’ | Manu e Flaviadi Genitorialmente Mara  di My Icecream Parlour | Marica e Tina di  I fiori di Marica |Marzia di La Taverna degli Arna | Nesta e Ella di Ella & Nesta's Little Room | Norma di Voglio il mondo a colori | Ombretta di A Sunday morning with | Roberta di Colori Idee Creatività | Sara di Il blog di Maryanne | Silvia di Ma Petite Maison | Silvia di Fancy Hollow | Silvia di Tine the Lazy | Simona di Me & Design |Stefania di Il castello Incantato |Veronica B  di Le creazioni di Ivy

lunedì 3 novembre 2014

Incontri inaspettati...

Devo proprio dire che ci ho preso gusto a fare 2 cose:

passeggiare e fotografare!

Dopo il trekking intenso ed intensivo di questa estate (devo ancora sistemare le foto...mi aspettate vero?) è riemerso il mio spirito d'avventura. Fosse per me, non ne avrei mai abbastanza di guardare, curiosare, scoprire, cercare indizi, impronte, tracce di storie passate...insomma una piccola Sherlock Holmes. E così facendo, passo dopo passo, coinvolgo Aryo, mio marito, nelle mie avventure nella natura.



Sabato, grazie al giorno di Ognissanti e al cielo azzurro che le previsioni meteo dicevano essere l'ultimo giorno sereno prima di una lunga settimana di pioggia, siamo andati a fare un'altra passeggiata tra le stradine intorno a casa.
E guardate chi ho incontrato!

Amo ogni animale: penso che conto proprio sulle dita delle due mani quelli che non mi piacciono.
Ma asini, cavalli, cani e gatti...beh, che dire, non posso non fermarmi, ammirarli e sognare di avere un giorno uno spazio in cui attorniarmi di questi musotti.


Come si fa a pensare di mangiare una creatura del genere? Ecco l'ho detto...nessuna creatura, per quanto mi riguarda.

A poche centinaia di metri dietro casa le auto sono rare e puoi ancora stupirti, sì stupirti, perchè dove capita in città di vedere animali come questi, pur essendo animali "comuni"?
Sembra che molti bambini, oggi, non abbiano mai visto una gallina o una mucca. Sembra incredibile, ma è così.

Quand'ero bambina, andavo a trovare mia nonna che teneva mucche, caprette, gallo con galline, conigli, cani e gatti. Ho trascorso innumerevoli domeniche in compagnia di questi animali. Ricordo, come fosse ieri, il giorno in cui scaricarono due vitelline di razza frisona, bianche pezzate nere. Le avevo battezzate Pom Pom (per una macchia bianca in centro alla fronte) e Violetta (perchè si era ferita nel trasporto e le avevano spruzzato un disinfettante viola).

Violetta, quando mi vedeva, era felicissima. Ma era così cucciola che un giorno accarezzandola, deve aver scambiato il mio braccino di bimba di 9 anni per un biberon e mi aveva risucchiato l'intero braccio in bocca. Una sensazione incredibile!



Antiche ville sullo sfondo, lasciate andare in rovina. Luoghi bellissimi, colline fertili e dolci che bisognerebbe valorizzare al massimo. Frutteti composti soprattutto da ciliegi: le famose le ciliegie di Pecetto.


Uno dei miei sogni, già che ci siamo parliamo al plurale visto che in questo post ne ho già espresso uno sopra, è di andare a vedere il "foliage" negli Stati Uniti, ma mi sa che devo averlo già detto da qualche parte.
Ma anche qui, guardate che colori! Questo acero sembra incendiato tanto è rosso.








In Italia non abbiamo le placche dei numeri civici romantiche e fantasiose che ammiriamo all'estero...però qualcuno ha segnalato la sua abitazione in un modo un po' anticonvenzionale.

Questo ottobre è stato caldissimo e ho visto che ci sono ancora tantissime rose che stanno sbocciando.










Altro sogno: un cavallo! Questo è stato il primo incontro inaspettato della giornata. 
L'abbiamo chiamato e lui di corsa è arrivato curioso.


Vi ho portate con noi e spero di essere riuscita a trasmettere ciò che hanno visto i nostri occhi e le sensazioni ed emozioni che abbiamo provato!


venerdì 24 ottobre 2014

Come nasce la mia linea di camera straps

E' arrivato l'autunno e con lui, i suoi colori

Colori morbidi che vanno dal bianco lattiginoso della pagina inferiore di alcune foglie, al giallo nelle sue molteplici sfumature che vanno dall'oro pallido al giallo intenso e luminoso dei Ginko Biloba al giallo ramato, agli arancioni dei Platani, ai rossi meravigliosi della vite americana e dei Liquidambar.

Adoro veder cadere le foglie perchè la natura è in continuo movimento. Le foglie che volteggiano in aria prima di toccare terra mi sembrano fiocchi di neve colorata.

Oggi non è propriamente una bellissima giornata: ieri dei topi d'appartamento mi hanno fatto visita. Eh sì, ma avevano due gambe e non quattro! Devono aver pensato che avevo voglia di rinnovare un po' il mio portagioie e hanno scelto, come le gazze LADRE quello che luccicava di più e guarda caso aveva il colore dell'oro.

Va beh, a parte questa digressione, oggi inizio a presentarvi la mia nuova collezione di CAMERA STRAPS, ovvero di tracolle per macchine fotografiche REFLEX.


Vi chiedete come mi è venuto in mente di creare delle tracolle per macchina fotografica? E io vi accontento!

Gestire un blog significa scrivere, raccontare ma anche raccontare per immagini.
Ho iniziato timidamente a scattare qualche foto per fermare le sensazioni che un fiore appena sbocciato mi regalava, per trattenere quella pace e diciamolo pure, il romanticismo di un tramonto, fermare le facciotte buffe dei miei adorati Thomas e Lothar e ...immortalare i miei lavori.

Ormai, per lavoro e per piacere, ho sempre la Reflex al collo.
Ma è così triste, nera, plasticosa, ti taglia il collo, anonima, uguale a quella di tutti gli altri.

Qualche mese fa, sono stata invitata al matrimonio di una mia amica e mi sono portata ovviamente la mia Reflex con la sua tracolla fornita dalla Nikon....nera con logo giallo brrrrrr...orrore!!!

Avevo scelto di indossare un bellissimo abito in maglina di seta corallo, stile Marilyn, con la gonna plissè e la scollatura identica al famoso abito della Diva, diciamo perfetto per l'occasione.
Mi sono rivista nelle foto: outfit rovinato da quell'orribile tracolla che stonava con quel vestito. E mi sono detta..MAI PIU'.

Nasce così l'idea di abbinare le tracolle all'abito che si indossa e di renderle uniche scrivendo una frase, il nostro nome, il nome del nostro blog, una breve frase.

Ecco come nasce la mia linea di CAMERA STRAPS.

Pian piano le inserirò in uno shop online...datemi un po' di tempo... ma se volete acquistarle, fate riferimento a quello che posto qui sul blog o sulla pagina FB.



Questa tracolla è di lana mohair con una texture soffice, morbida, calda. I colore è quello della terra con foglie multicolori che si sono posate sopra.
L'ho chiamata 

FALL IN LOVE



martedì 14 ottobre 2014

Chi è la regina?

Qui si fa festa!!!


E finalmente siamo giunti al termine di questo 1° contest che mi venne in mente un giorno di un anno fa. Dico finalmente perchè non è stata una passeggiata. Avere un appuntamento mensile impegnativo, rispettare le date di pubblicazione, andare a visitare le amiche che hanno creato il loro oggetto o articolo è un lavoro piuttosto lungo e faticoso. Ma come ho detto, mi avete chiesto di proseguire questa avventura e così ci sarà una 2a edizione. 
Direi altrimenti "purtroppo" perchè è stato un anno formativo, almeno per me, ma sono sicura anzi certissima che lo sia stato per tante ragazze che hanno avuto modo di migliorarsi, approfondire le loro tecniche e vendere i propri manufatti grazie anche alla condivisione che si è creata.
Brave ragazze, davvero!!!

Questo per me è un periodo ricco, ricchissimo di tante, troppe cose. Cambiamenti, decisioni importanti da prendere di cui spero di parlarvi al più presto.
Tutto ciò sta rallentando - che eufemismo - la pubblicazione dei miei post sul blog che si sente decisamente abbandonato. :(
E' pur vero che decidere chi sarebbe stata la Regina di questo contest non è stato affatto semplice.



Dopo un'attenta analisi delle creative che hanno partecipato e portato a termine il percorso - mi sembra giusto premiare anche la costanza - ho fatto la mia scelta.

Non sentite le trombe squillare? Non sentite rullare i tamburi?

Mi piacerebbe premiare molte di voi. 
Alcune per vari motivi hanno dovuto abbandonare il progetto prima che si concludesse il percorso dei 12 mesi ma la vita, soprattutto in questo periodo,  non consente di perseguire i propri sogni e incanala in lavori che tutto sono meno che creativi ma che garantiscono uno stipendio sicuro. Tante creative che ho conosciuto potrebbero sfondare e diventare delle artiste a tutti gli effetti se solo questa crisi che attanaglia l'Italia permettesse di concedersi questo "lusso".

Proclamo REGINA

Che gli astanti si dividano e lascino passare questa dolce fanciulla affinchè la corona possa essere posta sulla sua testolina!
Che la cerimonia abbia inizio.....


Grazie Ami per il prezioso contributo che hai dato a questo contest.
Ho apprezzato moltissimo il tuo stile, pur molto diverso dal mio, che ha portato ventate di allegria e positività.

Perchè ho deciso di proclamare Amelia "Regina":

* per la cura e l'attenzione per i tanti particolari con cui arricchisce i suoi disegni
*per la gioia e l'allegria che comunica
*per la sua modestia
*per il suo stile definito e riconoscibile con cui è riuscita ad elaborare i progetti più diversi
*per la serietà con cui ha seguito questo "gioco" e l'ha condotta fino alla fine del percorso
*per il lavoro didattico che ha compiuto grazie ai suoi lavori
*....e potrei andare avanti a scrivere solo del bene per questa bravissima maestra!

Quanto sono fortunati i tuoi alunni???!!!!




mercoledì 1 ottobre 2014

Un quadro per Melissa

Quadro per cameretta personalizzato 


Voglio tornare bambina! Ecco, l'ho detto!
Ricevere un quadro personalizzato col mio nome, la mia iniziale, il giorno del mio onomastico, la pietra preferita, coi colori della mia cameretta sarebbe stato da effetto "wow"!!!



Come avete capito: amo personalizzare gli oggetti.
Quando Laura mi ha scritto chiedendomi di realizzare per la nipotina, (finalmente è arrivata una femminuccia dopo i due maschietti gemelli che sua sorella ha già avuto 3 anni fa), un quadro personalizzato con i colori verde / rosa / fuxia...ero felicissima! 



Quando leggo una mail che mi dice: " ....mi fido di te...fa tu! Vorrei solo che usassi il verde chiaro, il rosa e il fuxia che sono i colori della cameretta di Melissa..." beh...non puoi non gongolare.


E' un vero piacere quando un cliente si affida completamente a te ma è anche una grande responsabilità.

Bamby

Ho abbinato anche un Doudou a forma di cerbiatto rosa con pois rosa fragola.
Un Doudou soffice, privo di qualunque oggetto potenzialmente pericoloso.

Tra l'altro, lo sapete che i bambini (tornate un po' indietro con la memoria) amano un unico particolare Doudou? Non si sa il perchè: per la forma, l'odore, il colore, la situazione in cui l'hanno ricevuto?
Io mi ricordo perfettamente com'era il mio: un pagliaccetto che mi aveva fatto mia mamma e che conservai per anni e anni ( si parla di ben 23 anni!!!) finché un giorno, il mio adorato cagnone - quel giorno non troppo adorato per la verità - lo prese e lo fece in mille pezzi. Sigh!
Dicono pertanto gli esperti di acquistare un secondo Doudou identico a quello amato dal bimbo.
Nel malaugurato caso in cui il Doudou venisse perso ai giardinetti o si rompesse o venisse dimenticato chissà dove, voi ne avreste prontamente uno ben nascosto nell'armadio da sostituire.
E' consigliabile sostituire i due Doudou alternandoli e lavandoli in modo da renderli perfettamente uguali.

See you soon to everybody!










venerdì 26 settembre 2014

Bimbi sulle nuvole!

  Un fiocco nascita per due gemelli

                                                    Adoro creare piccole cose per i bimbi. 

Mi sono chiesta il perchè. L'unica risposta che mi sono data è: perché nuove vite si affacciano al mondo. Una grande avventura, la Vita, li aspetta e io vorrei contribuire nel mio piccolo a dar loro il benvenuto e accoglierli in un ambiente delicato e armonioso
Mi piace pensare che tu mamma, in punta di piedi, stai aspettando il tuo cucciolo e stai preparando un nido caldo e accogliente in attesa del suo arrivo.
Cerco di aiutare te, mamma, a rendere la nursery personalizzata, come la vedi nei tuoi sogni. Tutto qui!


   

La gioia di incontrare il visetto del bimbo che per 9 mesi se n'è stato al riparo, al caldo, coccolato, pensato, immaginato..deve essere davvero immensa.
E conoscerne due ...deve essere una doppia gioia!




Avevo già creato un fiocco nascita simile a questo (leggete qui) che vi propongo ora ma mi hanno chiesto alcune varianti.
L'amica che lo regala mi ha chiesto se potevo creare le nuvolette coi nomi in modo tale che poi si potessero appendere ai rispettivi lettini.



Ho quindi cucito le due nuvolette e le ho appese ad un nastrino. In questo modo, se la mamma lo desidererà, potrà facilmente staccarle dal fiocco e appenderle alla testata delle culle di Agata e di Ulisse.



Ho rifinito, molto semplicemente, il centro del fiocco con la medesima stoffa a quadrettini rosa e azzurri che ho usato per le nuvolette. 
Spero che vi sia piaciuto.



LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Bogomilla Hopp